Chiesa di San Giovanni Gerosolimitano

gero

Si tratta di un fabbricato antico, manomesso, situato al margine della strada Appia, dopo il bivio per Lenola. A fianco vi è stata costruita una casa enorme non ancor abitata. E’ facilmente individuabile perchè alle sue spalle s’innalza deturpata, la tomba che Francesco Antonio Notarianni attribuisce all’edile Fondano, Marco Ulpio, ed altri a Gavio Nauta. Dell’antica chiesa resta ancora visibile una parte della navata originale; l’altra fu abbattuta da una bomba nel secondo conflitto mondiale. Non si sa quando, sconsacrata, fu adibita ad abitazione rurale. La chiesa appartenne all’ordine degli Ospedalieri di San Giovanni di Gerusalemme, detto poi dei cavalieri di Malta. In essa vi era il pergamo cosmatesco che il vescovo di Fondi Comparini fece trasportare nella Chiesa di San Pietro, dove tutt’ora si può ammirare.

L’ex chiesa di San Giovanni Gerosolimitano diventa un museo e centro di documentazione storica

Libri, CD, DVD, software, videogiochi, giocattoli, orologi e tanto altro

Situazione meteo in tempo reale e previsioni per i prossimi giorni

Android Meteo Forecast by yr.no