Visita guidata al Monastero di San Magno e le sue particolarità, aspetti e curiosità

216348979_276850070903679_2830991728494269524_nSabato 24 luglio visita guidata al monastero di San Magno alla scoperta di segreti e curiosità dell’antico complesso.
“Indagheremo – spiega la Pro Loco – gli aspetti religiosi e politici che hanno fortemente influenzato la storia di questi posti. Le recenti indagini archeologiche hanno reso possibile individuare tesori di cui si erano perse del tutto le tracce”.
Prenotazione obbligatoria scrivendo all’e-mail: info@prolocofondi.it (comunicare nome, cognome, età e recapito telefonico).
Modalità: A piedi, muniti di smartphone, abbigliamento idoneo ad un luogo di culto, merenda.
L’organizzatore offrirà ad ogni partecipante una bottiglia d’acqua e il dépliant dell’evento. L’ iniziativa è rivolta a persone di tutte le fasce d’età, incluse famiglie con bambini.
Partecipanti: minimo 5 – massimo 100. (Salvo direttive anticovid-19 attive alla data dell’evento).
Parcheggio Monastero San Magno – pos.: Geolocalizzazione 41.3761472676, 13.38564470269
L’evento è organizzato dalla Pro Loco Fondi con i patrocini del Comune di Fondi, di Parchi Lazio della Regione Lazio e dell’Ente Parco Naturale Regionale Monti Ausoni e Lago di Fondi.
Informazioni: 3297764644 (anche WhatsApp).
Secondo il racconto di san Gregorio Magno, il monastero fu edificato per volere di sant’Onorato nel 522 per onorare il martirio di san Magno, ucciso insieme a san Paterno e a 2597 cristiani, come si legge in alcuni documenti agiografici di epoca medievale, le Passiones, dedicate ai due santi.
Del complesso monastico sono state rinvenute: la chiesa di epoca medievale, a croce latina e dotata di cripta, che conserva pregevoli affreschi; la chiesa rinascimentale riaperta al culto e intitolata a san Benedetto; alcune strutture pertinenti forse alle ultime fasi di vita del complesso, in particolare il mulino, la foresteria e delle vasche di lavorazione dell’olio.
Updated: 16 luglio 2021 — 20:48

Consorzio Stabilimenti Balneari “AmareFondi”