Al Castello Baronale dopo trent’anni, il giornalista e scrittore Augusto Micci presenta il libro “Collina”

collina

“Lo scrittore e giornalista Augusto Maria Micci scrisse, una trentina di anni fa, un importante libro sulla sua natia Fondi nel contesto storico, culturale e politico del tempo, stampato dalle edizioni “Confronto”.

Il libro è arricchito dalle stampe pregevoli che noti pittori e disegnatori del passato (anche stranieri) hanno realizzato passando per la Città di Fondi. A distanza di anni, l’autore lo ripropone alle nuove generazioni, ma anche a chi ha vissuto i tempi del dopoguerra a Fondi, scoprendo che la pubblicazione conserva una sorprendente attualità. La presentazione, patrocinata dal Comune di Fondi e dall’Associazione Pro Loco Fondi, si terrà venerdì 23 novembre 2018 alle ore 18,00 nella sala del Castello Caetani a Fondi.

Il programma prevede i saluti del Sindaco di Fondi, Salvatore De Meo e del Vicesindaco Beniamino Maschietto. L’introduzione del Presidente della Pro Loco Fondi, Gaetano Orticelli.  L’intervento del Professore Antonio di Fazio. La presenza e la testimonianza dell’autore del libro Augusto Maria Micci.

Durante l’incontro saranno proiettati video originali e antiche rarissime litografie di Fondi e dintorni che ne illustrano le pagine del libro. Augusto Maria Micci, si trasferì giovanissimo in Francia a Strasburgo e dopo gli studi intraprese la professione di giornalista presso il Consiglio d’Europa.

Non ha mai dimenticato le sue origini fondane. E nel paese natio ritornava spesso per ricaricarsi e rivivere i luoghi della sua infanzia. Da anni vive stabilmente a Fondi, pur conservando importanti contatti con gli ambienti francesi. Il libro “Collina” affronta gli eventi e i passaggi dal re a Mussolini, dal Duce a de Nicola, dalla guerra alla pace, lasciando intravedere nel libro i personaggi più in vista della scena politica italiana di prima e dopo la guerra fino alla nomina di papa Roncalli (1958).

Gli anni cinquanta del secolo scorso sono raccontati nello scontro tra il medico e il barbiere al capitolo “La Piazza”. Con gli occhi della collina l’autore osserva prima un’Italia devastata e, dopo, un’altra Italia; quella del coraggio e della rinascita.

Nell’opera balzano in primo piano alcuni personaggi come l’Emarginato, il Nonno, il Fuggitivo, il Barbiere, il Medico, il Pastorello e un lembo della Ciociaria verde e spumeggiante di colori, barbara e brutale, calda e amena, crudele e feroce. Erano tempi di lotte per la sopravvivenza. Nel quadro del racconto sono dipinti a tratti limitati gli eventi che sconvolsero l’Italia di allora e la dura lotta di un paese “barbaramente calpestato dai caschi a punta”.

Intanto, dallo “scontro” tra il Barbiere e il Medico, viene fuori la condizione spirituale, sociale e politica dell’epoca.

Ma il vero personaggio del libro è la Collina di Fondi ispiratrice del giovane ribelle. Ad essa sono dedicati i ricordi ritrovati nella memoria dopo tanti anni. Alla Collina va la riconoscenza dell’autore perché gli deve i momenti migliori e le mille speranze. Ad essa va l’ultimo abbraccio del ragazzo che non ha dimenticato.”

Updated: 20 novembre 2018 — 21:31

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Libri, CD, DVD, software, videogiochi, giocattoli, orologi e tanto altro

Situazione meteo in tempo reale e previsioni per i prossimi giorni

Android Meteo Forecast by yr.no

Seguici sulla pagina ufficiale

«Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001». Per qualsiasi tipo di problematica o semplice richiesta di informazione scrivere a webmaster@cittadifondi.it - Città di Fondi © 2016 Frontier Theme

Statistiche